Back to Top
 
  • services.jpg
    http://www.imetrixbi.com/images/site/slide-services/services.jpg

Fakeshare - Progetto EU-AIFA per il contrasto della contraffazione farmaceutica

I siti web che vendono farmaci illegali e/o falsificati rappresentano, come ormai noto, una grave minaccia per la salute di tutti i cittadini dell'Unione europea.

Benché le autorità europee - Agenzie regolatorie, forze di polizia e dogane - ed altri soggetti pubblici e privati (quali industrie e università) dedichino ormai da tempo particolare impegno nella realizzazione di iniziative di prevenzione e contrasto, una maggior efficacia di queste ha come presupposto fondamentale un'ottimizzazione del coordinamento a livello europeo delle attività portate avanti nel settore.

In questo scenario si colloca "Fakeshare" (2013-2015) – un progetto coordinato dall'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e co-finanziato dal Programma "Prevenzione e lotta contro la criminalità" della CE – che ha l'obiettivo di sviluppare iniziative coordinate (come indagini, campagne di sensibilizzazione e attività di formazione) per il contrasto alla distribuzione illegale di farmaci attraverso internet.

Nel corso della conferenza stampa organizzata il 23 maggio 2016 da AIFA, è stata presentata la campagna di comunicazione, ideata nell'ambito del progetto europeo Fakeshare, co-finanziato dal Programma "Prevenzione e lotta contro la criminalità" della Commissione Europea.

La campagna – di informazione e sensibilizzazione sui rischi legati all'acquisto di farmaci attraverso siti illegali - verrà diffusa attraverso il web, perché al web si rivolgono gli acquirenti di farmaci.

In tempi recenti si sono registrati molti casi di effetti collaterali letali, riconducibili a farmaci acquistati da fonti non controllate; da questi prende le mosse l'iniziativa realizzata da AIFA, in collaborazione con altri partner nazionali ed esteri come le agenzie regolatorie di Spagna e Portogallo.